La sua pratica indaga la natura di ciò che chiamiamo ‘arte’, il modo con cui essa viene percepita, valutata e capita. La sua ricerca è una continua interrogazione sui criteri della produzione e della circolazione delle immagini, sul potere e i limiti della speculazione estetica, sulla possibilità di una sua ridefinizione etica. L'artista ha avuto mostre personali a West, The Hague (2014;  Museo di Villa Croce, Genova (2012); Castello di Rivoli, Torino (2009); ZERO..., Milano (2006/2010/2013); Team Gallery, New York (2011/2013); Isabella Bortolozzi Gallery, Berlino (2005). Le sue opere sono state presentate anche in numerose mostre collettive, fra cui "Italics" a Palazzo Grassi, Venezia e MCA, Chicago (2008-2009) e la 50ma Biennale di Venezia (2003). Nel 2009 Grimaldi ha vinto il concorso internazionale MAXXI “2per100", utilizzando il 92% del premio di 700.000 € per la costruzione del Centro Pediatrico di Emergency a Port Sudan.