Queste frasi nascono da uno stile che ho chiamato Sleek like a slum. È una pratica che informa un sistema, cioè un mondo, con i suoi oggetti, i suoi sentimenti, le sue atmosfere e le sue regole, più un grande capo: The Sleekest Man. Non possono che derivarne speculazioni estetiche e superficiali, ma anche specchiamenti di superfici, menzogne e tradimenti. I miei lavori sono promesse non mantenute, e le mie parole sono senza speranza.