Michele D'Aurizio (Chieti, 1985) è caporedattore dell’edizione internazionale di Flash Art. È inoltre co-fondatore dello spazio progetto Gasconade, a Milano. Ha curato mostre presso Galerie Balice Hertling, Parigi; Boatos Fine Arts, San Paolo; Ellis King, Dublino; Flash Art NY Desk, New York; Fluxia, Milano; e Grand Century, New York. Nel 2012 è stato curator-in-residence presso la Fondazione Pastificio Cerere di Roma, e ha co-curato con Eva Fabbris la programmazione 2010-11 del project space di Kaleidoscope a Milano. È stato Associate Editor di Kaleidoscope e assistente editoriale per Mousse. I suoi testi sono stati pubblicati su Abitare, Flash Art, Kaleidoscope, Mousse e Spike. Michele ha ottenuto un MA in Arti Visive e Studi Curatoriali presso la Nuova Accademia di Belle Arti – NABA a Milano.

La sua pratica curatoriale si fonda sul tentativo di ripensare le strategie di produzione e veicolazione dell’opera d'arte che contraddistinguono l’industria dell’arte nell’era contemporanea. Questa pratica si concretizza in piattaforme mirate a sondare l’emersione di valori generazionali nel contesto della produzione artistica e le strategie attraverso le quali comunità artistiche ritenute periferiche interagiscono con discorsi artistici globali.